Ciao Darwin e le “etichette”

Perché un programma come Ciao Darwin ci piace così tanto? Forse perché è un intrattenimento migliore di diverse fiction e diversi info-tainment? O forse perché è un programma che si basa sulle etichette sociali che attribuiamo e ci auto-attribuiamo?

Beh, forse per entrambe le cose. Tralasciando le polemiche sessiste che vengono fatte al programma, soffermiamoci a pensare alle etichette. Perché ci piacciono tanto?

 

Noemi Villari 

21

Italian

Dreamer

Books’s reader and writer

Bio cosmetics and healthy food lover                                 (Tratto dal mio profilo instagram)

 

E’ bello sentirsi parte di un gruppo, di una grande etichetta. Ci fa sentire capiti, al sicuro nella nostra cerchia. Ma serve davvero catalogarci in questo modo?

Un uomo non può essere racchiuso solo in una sola etichetta, possediamo identità plurime. Prendiamo ad esempio un padre: è sicuramente anche un figlio, può essere un marito, un lavoratore e uno sportivo allo stesso tempo. Un’etichetta non esclude l’altra.

Etichettare le persone, inoltre, può causare molte discriminazioni e dividere tra posizioni estremiste. E gli estremismi si sa, non portano niente di buono, la storia ce lo insegna.

Possiamo dire che il mondo deve essere tutto bianco o tutto nero? Non dimentichiamo che mezzo c’è un’infinita gamma di colori. Allora invece di parlare di grassi contro magri, di carnivori contro vegani, di destra contro sinistra, non sarebbe meglio accettare le diversità?

Inoltre non possiamo davvero riassumere le nostre personalità complesse in qualche termine, ce ne vorrebbero infiniti. Ma le etichette possono funzionare nelle occasioni nelle quali ci serve presentarci in maniera rapida e incisiva, non a caso infatti le usiamo soprattutto nei social.

Ben venga quindi usare le etichette anche a scopo ironico come in Ciao Darwin. Usiamole per criticare e auto-criticarci in maniera costruttiva, senza per forza incasellarci in esse.

 

Questo articolo è presente anche sulla testata ufficiale dell’Università di Messina:

Ciao Darwin e le “etichette”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...